fbpx

I metameri lombari rappresentano una ulteriore competenza che andrebbe acquisita se sei un operatore (o aspiri a diventarlo), in modo da essere all’altezza di ogni contesto professionale dovesse presentarsi.

I pazienti sono, a ragione, sempre più esigenti e le loro aspettative sul lavoro di operatori come te diventano sempre più specifiche. Ne consegue che se sei una professionista che ama il proprio lavoro e lo svolge senza mai prescindere dalla passione, allora è importante che ti tenga aggiornato costantemente e che conosca anche i minimi dettagli della tua stessa professione.

Qualificarti come professionista significa, di fatto, anche conoscere a fondo i metameri lombari, specializzando ulteriormente la tua abilità di operare, offrendo la tua manualità di terapista in modo sempre più efficiente.

A tal proposito, abbiamo messo a punto questo piccolo prontuario con alcune delle informazioni utili per iniziare a sapere di più riguardo ai metameri lombari e alle loro caratteristiche.

Troverai indicazioni dettagliate e tutto quanto può esserti utile nell’esercizio del tuo lavoro di operatore nel settore.

Al termine della lettura avrai senza dubbio imparato di più ed accresciuto le tue competenze. Da quel momento sarai tu a decidere se proseguire con la conoscenza dei metameri lombari. Metameri e loro trattamento sono dunque il focus di questa guida, che ha bisogno della tua passione per poter essere acquisita e trasformata nella tua base per nuove competenze.

Buona lettura, dunque, attraverso il mondo dei metameri lombari e tutte le loro caratteristiche.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI

Panoramica generale sui metameri e approfondimento sui lombari

Prima di passare direttamente ai 6 metameri lombari, può essere utile spendere qualche parola in merito ai metameri vertebrali, in modo da fugare ogni dubbio e conoscere meglio tutto quello che li riguarda, analizzandoli dal punto di vista di un operatore, ovvero dal tuo!

I metameri consistono in fasce estese in un orientamento orizzontale, poste lungo la colonna vertebrale e che hanno uno spessore di circa 5 centimetri. Ogni metamero viene percorso dal sistema nervoso simpatico. In totale sono 10 e relativi a polmoni, stomaco, reni, cuore, fegato, pancreas, intestino crasso, intestino tenue, vescica e vescica biliare.

I metameri, per semplificare, registrano le emozioni che tratteniamo dentro di noi. Ad ogni metamero infatti corrisponde uno stato d’animo. Per essere più dettagliati:

  • La tristezza, afferisce alla zona dei polmoni e dell’intestino crasso
  • La gioia fa capo alla fascia di metameri che riguardano la tiroide
  • Anche al cuore e all’intestino tenue fa capo lo stato d’animo della gioia
  • La vescica e i reni invece riguardano l’emozione della paura
  • Al fegato viene associato lo stato d’animo della rabbia
  • Allo stomaco, alla milza e al pancreas fa capo lo stato d’animo che riguarda la preoccupazione

Essendo una suddivisione di varie fasce spinali, i metameri possono suddividersi ovviamente in metameri lombari, metameri vertebrali cervicali; metameri vertebrali; metameri sacrali; metameri coccigei, metameri ossei e infine metameri spinali.

Logicamente questa piccola guida si rivolge in particolare ai metameri lombari, di cui a breve saprai di più.

Metameri lombari: significato, funzione e tutto quel che può servirti da operatore

Metameri lombari o metameri lombo sacrali, metameri lombari ruotati o metameri distali o caudali. Di che si tratta esattamente e come comportarsi per essere all’altezza di una prestazione professionale e specializzata.

Innanzitutto c’è da sapere che i metameri lombari riguardano le contratture localizzate principalmente nella parte inferiore vertebrale. La ragione di tali contratture può dipendere da fattori differenti. Per fare qualche esempio, puoi pensare a posture scorrette del paziente, a lungo mantenute, movimenti falsi o sforzi nel tentativo di sollevare, ad esempio, dei pesi senza prestare attenzione alla giusta posizione o eseguendo il movimento a freddo.

Piccole disattenzioni, nei movimenti più semplici e comuni della vita di ogni giorno, possono compromettere le funzionalità corrette e dare luogo a problemi relativi a questa fascia in particolare.

In linea generale, possono sorgere problemi nella fascia lombare a causa di fattori diversi che spaziano da ritmi troppo sedentari di vita a escursioni termiche repentine, a cui il nostro organismo fatica ad adattarsi.

I muscoli ne risentono e un lavoro di manipolazione efficace e specifico può fare davvero la differenza. Specializzarti con le giuste manovre può dunque aiutare in modo concreto il paziente a sentirsi meglio non solo dal punto di vista fisiologico ma, afferendo i metameri contestualmente alla sfera emotiva, anche da un punto di vista psicologico.

Manipolazione e metameri lombari: come intervenire in supporto a un paziente in sofferenza

Non puoi di certo improvvisare un massaggio su un paziente che si rivolge alla tua manipolazione e, come sempre, la chiave è quella di conoscere a fondo i metameri, per sapere come lavorarli con le tue mani.

Importante è dunque agire sui 6 metameri lombo sacrali con tecniche adeguate e tarando pressione e movimenti, in base al cliente che entra nel tuo studio.

Un buon massaggio ristabilisce una condizione di metameri lombari allineati, rispetto a eventi che ne hanno alterato lo stato. Il primo effetto è quello di ridurre eventuali stati infiammatori e, di conseguenza, il dolore connesso.

Da un punto di vista pratico, sono diverse le tecniche da applicare al paziente che riferisce problemi, dolore o infiammazioni ai metameri lombari distali o caudali.

Puoi infatti agire con manovre delicate, che mirano a distendere le tensioni e che consistono nella compressione, nello scollamento e in altre tecniche correlate.

In linea generale potai lavorare su:

  • La zona dell’ossigenazione
  • La zona dell’assimilazione
  • La zona dell’eliminazione

Nel primo caso intervieni direttamente sul processo di ossigenazione dei tessuti, in modo da iniziare a ridurre lo stato di dolore. Lavorare il paziente significa agire con la tecnica dello scollamento dei tessuti connettivi. Gli effetti analgesici sono quasi immediati, dando al paziente una sensazione di sollievo.

Nel caso della zona dell’assimilazione puoi in parte intervenire sulla fascia che afferisce al processo digestivo, il cui malfunzionamento spesso influenza lo stato di tensione a livello lombare.

Infine sulla zona dell’eliminazione lavori in tutti i casi in cui il paziente presenti problemi che riguardano la fascia intestinale e che possono dare luogo ad ernie. Un accurato e delicato massaggio aiuta a distendere le tensioni nervose che ne conseguono e a dare sollievo al paziente.

Come comportarsi quando un paziente presenta una condizione di metameri lombari ruotati

Potrebbe accadere, e non di rado, che un paziente chieda il tuo intervento di professionista per un problema che riguarda la rotazione dei metameri lombari, o metameri lombari ruotati.

Si tratta di una condizione non severa ma disagevole, che a lungo andare può essere causa di deformazione dei dischi posti fra le vertebre o addirittura causare la riduzione della fascia muscolo-legamentosa.

Intervenire non è complesso ma richiede grande capacità e abilità di manipolazione che solo mani esperte possono assicurare.

Occorre infatti eseguire delicati movimenti che mirano allo scollamento connettivale, i cui risultati possono essere molto efficaci, se le manovre sono attuate con precisione e accortezza.

In linea di massima, l’intervento in qualità di operatore su un paziente che abbia problemi con i metameri lombari richiede pratica, delicatezza, conoscenza della materia e dimestichezza con le manovre. I risultati possono essere sorprendenti, difronte a stati infiammatori di pazienti o di altre problematiche che riguardano i metameri.

Conclusioni e considerazioni riguardo ai metameri lombari e alle modalità di intervento

Essere un professionista esperto nel trattamento dei metameri lombari è possibile, con uno studio attento e approfondito, con una pratica accurata e sapiente ma soprattutto con una passione che guidi il tuo percorso di operatore del settore.

Se in epoche passate un massaggio era solo un “semplice massaggio”, oggi ti vengono richieste capacità più particolareggiate, a cui non puoi sottrarti se davvero il tuo principale obiettivo è quello di aiutare i pazienti a sentirsi di nuovo in forma.

In tale ottica, non puoi tralasciare l’importanza della conoscenza dei metameri, e in particolare dei metameri lombari, che sempre più di frequente richiedono il tatto di mani esperte che sanno come e dove muoversi.

I metameri sono fasce poste lungo la colonna spinale, dell’altezza di cinque centimetri circa e che corrispondono a organi differenti (cuore, polmoni, vescica, intestino crasso, intestino tenue, reni, fegato) oltre che a emozioni o stati d’animo specifici (tristezza, paura, rabbia, gioia, ecc.). Ne consegue che abbracciano una ampia sfera fisio-psicologica che può fortemente scompensare il paziente, quando siano presenti disequilibri o malfunzionamenti.

Puoi intervenire da esperto con manipolazioni e tecniche specifiche (scollamento, pressione, ecc.) sul paziente per aiutarlo a migliorare stati di disagio che possono gravitare dal dolore all’infiammazione a umori distorti o poco gestibili.

In particolare i metameri lombari sono 6 e distribuiti, come è facile dedurre, nella fascia spinale bassa.

Vita sedentaria, colpi di freddo, climi umidi, sollevamento pesi non corretto o posture sbagliate, sono tutti fattori che possono fortemente incidere sullo stato dei metameri e degli organi (oltre che delle emozioni) correlati.

Il tuo intervento professionale può fare la differenza e riportare il paziente ad una vita normale, in cui non siano presenti dolori, infiammazioni e altri disagi che ne potrebbero conseguire. Lavorando sull’ossigenazione dei tessuti e sullo scioglimento delle tensioni, il tuo ruolo assume un valore rilevante, rispetto allo stato di benessere generale del tuo paziente.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social