fbpx

Da professionista nel settore dei massaggi, sarai sicuramente mosso da una costante fame di conoscere tutto quello che riguarda il tuo settore e certamente in particolare gli aspetti relativi alla digitopressione, altrimenti non saresti arrivato qui!

Come ben saprai, sono molte le antiche tradizioni orientali che ci sono state tramandate e grazie ad alcune di esse, gli esperti del settore come te hanno avuto la possibilità di conoscere ed approfondire il sistema di energie che scorrono all’interno del corpo umano.  

Secondo le culture cinesi, infatti, l’organismo umano assorbe l’energia vitale attraverso sette punti di energia conosciuti come “chakra”. Tale energia, conosciuta anche come prana dagli specialisti, è ritenuta un fattore indispensabile per lo svolgimento delle funzioni dell’organismo e, come diretta conseguenza, per la buona qualità di vita dell’individuo.  

L’energia vitale scorre all’interno del corpo mediante quelli che vengono chiamati “meridiani energetici”, vale a dire una vasta rete di collegamenti che scorre all’interno dell’individuo e può essere localizzata appena sotto lo strato dell’epidermide.

Nel caso in cui, per qualche motivo di varia origine, questa energia subisca un blocco in qualche punto lungo il percorso o non scorra nel modo corretto all’interno dei canali energetici, si va incontro ad un rischio concreto di insorgenza nel tempo di disturbi e malattie di carattere fisico o psicologico, come potrai leggere nelle righe seguenti.

In questi casi, per poter ristabilire i corretti equilibri di energia e dare l’aiuto necessario all’organismo affinchè ritrovi la sua naturale predisposizione alla guarigione in autonomia,  la scienza orientale rappresenta un valido supporto attraverso l’utilizzo di diverse tecniche tra cui, per citarne una, quella dell’ago puntura. 

Quest’ultima fonda le sue basi su un’idea efficace: eseguendo una stimolazione controllata in precisi punti del corpo, con le mani o mediante l’utilizzo di atri strumenti come dei piccoli e sottili aghi sterili, può ripristinare la naturale funzionalità dell’organismo. 

Tale tecnica, come accennato in precedenza, viene utilizzata per la risoluzione di problematiche anche di natura differente rispetto al solo dolore fisico, quali ad esempio i disturbi o i dolori della psiche e della mente.

Grazie a pratiche come la digitopressione, infatti, potrai rimedio al dolore così come a disagi o disturbi psicologici, fra cui gli attacchi di panico, l’ansia, ecc. In questa sede affronteremo proprio la digitopressione per ansia e stress, in maniera specifica. 

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE

La digitopressione: di cosa si tratta e quali sono le sue caratteristiche

In parte lo saprai già e, come hai appena avuto modo di leggere, la digitopressione è un’antica disciplina a cui puoi ricorrere mediante la stimolazione, attraverso delicate ma costanti e ripetute pressioni manuali, di punti chiave che si trovano all’interno del corpo umano. 

Queste determinate zone in cui andrai ad agire sono conosciute tra gli specialisti della digitopressione come “punti terapeutici” o, come hai già potuto leggere nei paragrafi precedenti, “meridiani energetici”.

Nel corso delle tue manipolazioni sarai in grado di esercitare la sollecitazione di queste zone specifiche, permettendo al flusso di energia di riprendere il suo corso ordinario, risvegliando e di conseguenza riattivando le naturali funzioni dell’organismo.

In tal modo sarai in grado di alleviare il dolore con il conseguente scioglimento delle tensioni e il ritrovato benessere generale del corpo da parte del tuo paziente.  

Proprio per le modalità di esecuzione, la digitopressione manuale è anche conosciuta come “ago puntura senza aghi”.  

Di fatto, la medicina olistica, conosciuta più comunemente come “medicina alternativa” della quale anche la digitopressione fa parte, non punta a curare l’essere umano in quanto “corpo”, ma lo considera nel suo insieme di corpo, mente e spirito. Inoltre, si è dimostrata molto efficace, sicura e funzionale. Ed è proprio per questa ragione che anche il mondo occidentale risulta sempre più interessato e propenso al suo utilizzo.  

Fatte queste considerazioni, mon ti sarà quindi difficile capire perché sono sempre di più i pazienti che prendono coscienza della necessità di affidarsi a tali tecniche naturali, attraverso il ricorso a esperti come te. 

In particolare negli ultimi decenni, vi è stato un graduale incremento nello studio dei metodi di cura dell’ansia attraverso le tecniche come la digitopressione, in grado di assicurare risultati soddisfacenti proprio nei pazienti affetti da attacchi di panico, stress e ansia. 

Ecco perché in questa piccola guida troverai i principali elementi che ti permettono di iniziare un percorso di specializzazione nell’esercizio della digitopressione per ansia e stress.

La digitopressione per la depressione, l’ansia, lo stress e gli attacchi di panico

La digitopressione per gli attacchi di panico e per i principali disturbi legati agli squilibri della mente, quali lo stress, l’ansia, ecc., si è rivelata di fatto molto efficace.

Attraverso tale disciplina, infatti, potrai essere in grado di aiutare concretamente il paziente, nel percorso di trattamento.

Le giuste manovre aiuteranno il paziente a liberarsi innanzitutto dalla frustrazione per non essere riuscito a liberarsi dalla condizione di ansia e di stress in maniera autonoma ma non solo. 

Spesso il paziente sottovaluta il problema e tentando di risolverlo per conto proprio finisce con il ritrovarsi a fronteggiare una forte riduzione dell’autostima e con il conseguente aggravamento delle sue condizioni psicologiche. 

È proprio a questo punto che entra in gioco la tua professionalità attraverso l’uso della digitopressione. Puoi infatti concretamente ridurre la condizione di stress ed ansia in modo naturale e non invasivo. 

Come intervenire sul paziente, dunque? Continua a leggere per scoprirlo nel dettaglio, attraverso una panoramica dei i punti del corpo umano in cui dovrai eseguire la tecnica della digitopressione, permettendo ai tuoi pazienti di ridurre quella spiacevole e potenzialmente pericolosa situazione di ansia e di stress.

I punti della digitopressione per l’ansia

I principali meridiani energetici nella digitopressione per il trattamento dell’ansia e dello stress sono cinque, tutti concentrati sulla parte superiore del corpo. 

Nell’elenco che segue potrai trovare le indicazioni necessarie per individuare tali punti per trattarli nella maniera corretta. 

  • Union Valley
  • Nei Guan
  • Central Treasury
  • Heavenly Pillar
  • Shoulder Well

Union Valley: questo punto di terapia si trova nello spazio in cui non sono presenti ossa tra il primo ed il secondo dito di entrambe le mani.

Potrai intervenire prendendo la mano del tuo paziente e, utilizzando il pollice e l’indice della tua mano dominante, esercitando una pressione decisa per tre minuti. 

Forse il tuo assistito percepirà un po’ di fastidio: non preoccuparti, è normale, infatti quando il trattamento sarà stato eseguito su entrambe le mani si sentirà sicuramente più rilassato.

È utile manipolare questo punto con la tecnica della digitopressione per ansia e stress, oltre che per alleviare la possibile tensione muscolare a carico delle spalle provocata da quest’ultimo.

Nei Guan: per localizzare questo meridiano di energia parti dal polso del tuo paziente e misura una lunghezza di tre dita in direzione del gomito. 

Il punto terapeutico si trova dove la seconda falange del dito medio si incontra con il tessuto tendineo del polso. Per trattare tale zona, applica sul polso del paziente una pressione decisa e costante con il tuo pollice, iniziando ad esercitare un movimento rotatorio, quasi un massaggio dopo un minuto. 

Continua anche in questo caso il trattamento per un totale di tre minuti. Eseguire tale tecnica su entrambi i polsi non solo aiuterà a ridurre l’ansia, ma sarà anche utile al tuo assistito per liberarsi dalla sensazione di nausea causata dallo stress.

Central Treasury: tale punto terapeutico si colloca a due dita dalla piega dell’ascella, appena sotto la clavicola. Molto probabilmente il tuo paziente lamenterà dolore quando andrai a trattare questa zona. 

Proprio per questo motivo la pressione che dovrai esercitare dovrà essere moderata, utilizzando solo la punta del dito indice. È preferibile che tu agisca in contemporanea su tutte e due le spalle. L’applicazione della digitopressione in questo meridiano energetico risulterà molto utile per favorire la respirazione profonda, aiuterà a bilanciare correttamente le emozioni e favorirà la pressione sanguigna.

Heavenly Pillar: questo punto terapeutico è ubicato a tre dita dalla base della scatola cranica, nel punto in cui i muscoli del collo sono un po’ più sporgenti rispetto agli altri punti. 

Per il trattamento, chiedi al tuo paziente di chiudere gli occhi e di respirare in maniera profonda. Nel frattempo, tu dovrai esercitare una pressione decisa per circa tre minuti. La manipolazione di questa zona di terapia si è rivelata fondamentale non solo per il trattamento dell’ansia. 

Tale punto, infatti, è anche utile nel trattamento con la digitopressione per la depressione lieve e per altri disturbi come il torcicollo provocato dalla rigidità muscolare, per la stanchezza, per l’insonnia e per la sensazione di occhi gonfi tipica di un sonno leggero e disturbato.

Shoulder Well. Questo meridiano energetico è collocato tra l’osso della spalla e la base del collo. Non farai fatica a trovarlo: la pressione su questo punto, infatti, risulterà abbastanza dolorosa. Per questa ragione è bene non comprimerlo per un lungo periodo di tempo ed esercitare delle brevi ma costanti pressioni, utilizzando solamente la punta del secondo dito della tua mano dominante. 

L’importante, in ogni caso, è che anche in questo caso il trattamento abbia una durata totale di tre minuti per lato. La stimolazione di questa zona terapeutica è molto utile per ridurre lo stress e per diminuire la tensione generale di tutto il corpo. 

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social