fbpx

Un progetto di vita e di lavoro che ti frulla per la testa da un po’ e una gran voglia di guardare il mondo con occhi diversi? Hai realizzato il tuo sogno di diventare fisioterapista e già un altro è pronto nel cassetto e attende di essere realizzato?

Se stai pensando di cambiare vita e andare a lavorare come fisioterapista in Francia, qui troverai tutto quello che serve per realizzare il tuo progetto che ti spinge oltralpe.

La Francia non è solo baguette ma una terra dalle mille sfumature, cosmopolita e multiculturale, in cui conciliarti con un clima favorevole, con la buona cucina e degli ottimi vini, con le meraviglie naturalistiche come Mont Saint Michel e quelle architettoniche come la Cattedrale di Notre Dame, solo per citarne alcune. La Francia è però anche un ponte sul mondo, dove il lavoro e il buon vivere viaggiano da sempre a ritmi levati, offrendo di fatto ottime opportunità a chi decide di impiantarvisi per qualche anno o per tutta la vita. 

Se il fascino e l’eccellenza dei servizi francesi hanno travolto anche te, allora ti sarà utile conoscere come organizzarti per trasferirti assieme al tuo bagaglio professionale.

Lavorare come fisioterapista in Francia non è complesso ma ti è necessario conoscere le corrette procedure per convalidare il tuo titolo professionale di fisioterapista ed esercitare il lavoro rispondendo ai requisiti richiesti dal Paese.

Ecco allora quello che ti occorre sapere, per poter ottenere il riconoscimento del titolo di fisioterapista in Francia.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE

Scopri come ottenere il riconoscimento del titolo di fisioterapista in Francia

Veniamo al dunque per cercare di capire quali siano i criteri per ottenere il riconoscimento del titolo di fisioterapista in Francia e attraverso quali canali inviare la documentazione richiesta per l’ottenimento dell’idoneità.

In Francia esiste un albo professionale per i fisioterapisti, vale a dire l’ordine dei Masseurs Kinésithérapeutes. È dunque necessario ottenere l’iscrizione all’ordine, in quanto esso rappresenta l’unica istituzione professionale che riunisce e federa i massaggiatori e fisioterapisti, indipendentemente dallo status, dalla metodologia di lavoro e dalla regione in cui esercitano. 

Le informazioni che ti occorrono le puoi trovare accedendo direttamente al portale www.ordremk.fr dove sono molto ben chiarite le procedure, le modalità di richiesta della tessera professionale e tutti i dettagli che potrebbero esserti utili, nel corso del processo che ti condurrà a svolgere la professione di fisioterapista in Francia.

La registrazione all’ordine avviene, ovviamente, solo dopo aver ottenuto il consenso che ti autorizza ad esercitare la professione di fisioterapista in Francia. 

Il permesso di esercizio della professione va richiesto presso una delle tante sedi della DRDJSCS (Direction Régionale de la Jeunesse, des Sports et de la Cohésion Sociale), dislocate nella maggior parte delle regioni della Francia (sul sito poco fa indicato, le troverai nel dettaglio).

Una volta conseguito e ottenuto l’attestato, potrai lavorare come fisioterapista professionale in uno qualsiasi dei territori francesi.

L’iter da seguire per ottenere l’attestato professionale

Proseguendo da un punto di vista più pratico, ti indichiamo in che modo puoi ottenere la consegna dell’attestato che ti permette di esercitare la professione di fisioterapista in Francia.

Innanzitutto occorre procurarsi il modulo di domanda, chiamato formulaire de demande, all’interno del quale sono indicati molto chiaramente i documenti necessari da presentare in modo da soddisfare i requisiti formativi richiesti in Francia.

La buona notizia è che il servizio messo a disposizione dalla Direction Régionale de la Jeunesse, des Sports et de la Cohésion Sociale è gratuito, a differenza di molti altri Paesi in cui viene richiesto di corrispondere un pagamento, talvolta anche ingente.

Il formulaire de demande va corredato dei seguenti documenti:

  • Titoli universitari conseguiti
  • Lettere di presentazione
  • Attestati di formazione 
  • Ecc.

Ti sarà necessario fornire una copia della documentazione tradotta in lingua francese da un traduttore ufficiale, che abbia il riconoscimento dai paesi francofoni.

Il traduttore infatti dovrà fornire una traduzione giurata in quanto è responsabile e perseguibile penalmente e civilmente in caso di traduzione mendace.

Una volta prodotti i documenti richiesti, arriva il momento di inoltrarli a chi di competenza. A quel punto inizia un periodo di valutazione della documentazione, che può richiedere fino a 3 mesi di tempo.

La valutazione ovviamente si basa sugli standard formativi richiesti dalla Francia e, una volta emessa dalle autorità competenti, potrai aspettarti tre tipologie di scenario differenti:

  • La tua domanda viene accolta, la documentazione fornita viene ritenuta valida per gli standard formativi francesi e il tuo titolo viene ritenuto valido, pertanto puoi iniziare ad esercitare la professione e lavorare come fisioterapista in Francia, con iscrizione all’albo professionale.
  • La tua domanda viene ritenuta incompleta o non completamente soddisfacente, pertanto potrebbe profilarsi la possibilità di partecipare a un periodo di tirocinio, la cui durata può estendersi fino a 9 mesi. In alternativa potrebbe esserti richiesto di partecipare e superare un test scritto.
  • La tua domanda viene rigettata in quanto non soddisfa i requisiti formativi richiesti dalla Francia. In questo caso non ti viene riconosciuta l’idoneità per lavorare come fisioterapista. Potrai a questo provare nuovamente a inoltrare richiesta, magari dopo l’ottenimento di titoli ulteriori che ti agevolino nell’accreditamento della tua formazione presso le autorità competenti.

Scopri quanto guadagna un fisioterapista in Francia

Oltre a conoscere la procedura per l’ottenimento dell’idoneità dei tuoi titoli professionali, un altro aspetto importante è quello che riguarda lo stipendio di fisioterapista in Francia. Per quanto la tua voglia di cambiamento possa essere motivata da ragioni di crescita personale, l’aspetto retributivo non potrà di certo passare in secondo piano.

Una volta trasferito in Francia, dovrai comunque fare i conti con spese da affrontare e un tenore di vita che, per quanto modesto, dovrà essere comunque onorato e poi, parliamoci chiaro, a nessuno piace lavorare solo per la gloria!

Ti potrà essere utile sapere innanzitutto che, in linea generale, le condizioni di lavoro in Francia sono molto vantaggiose e le possibilità di inserimento con una dignitosa retribuzione da fisioterapista sono verosimili, stando alle statistiche di occupazione. 

Per avere un’idea di massima riguardo allo stipendio medio di un fisioterapista in Francia, possiamo dirti che per un principiante puoi ambire ad uno stipendio di partenza che oscilla tra i 1.400 e i 2.000 euro netti al mese. Ed è solo l’inizio!

Lavorando presso strutture private di alto livello o riuscendo ad aprire un’attività per conto tuo, potrai ambire a stipendi che partono dai 4.000 euro al mese. Inoltre puoi considerare un particolare non secondario, ovvero che il sistema sanitario francese è considerato tra i più efficaci al mondo, sia dal punto di vista della preparazione e della formazione del personale sanitario, sia sotto l’aspetto tecnologico e delle strumentazioni. 

Questo favorirà il tuo inserimento come professionista, oltre alla possibilità di avvalerti di attrezzature di altissimo livello che facilitano e potenziano il tuo lavoro di professionista in ambito sanitario.

Le opportunità da cogliere, insomma, sono diverse e non dovresti avere grandi difficoltà nell’impiantarti come fisioterapista. Ovviamente dovrai mettere in conto un po’ di spirito di adattamento iniziale, sapendoti accontentare di una paga base iniziale modesta, ma se saprai svolgere il tuo lavoro con competenza, non tarderai a farti apprezzare.

Maggiore sarà il tuo impegno nel voler lavorare con competenza, e migliori possibilità avrai di raggiungere picchi retributivi che sapranno ripagarti dei sacrifici fatti.

Lavorare come fisioterapista in Francia complesso ma fattibile: puoi provarci anche tu

Come hai potuto vedere non è così complicato riuscire a ottenere il riconoscimento del tuo titolo professionale di fisioterapista, se stai valutando seriamente di trasferirti in Francia per un periodo più o meno lungo di tempo.

Accedendo al sito che ti abbiamo indicato e prendendo nota di tutte le procedure necessarie da seguire, siamo sicuri che potrai coronare il tuo sogno di trasferimento senza troppe difficoltà.

Se invece il percorso iniziale si presenta irto di ostacoli, possiamo solo suggerirti di non arrenderti, se sei davvero determinato.

La mancanza di alcuni requisiti può essere colmata con un po’ di impegno e sacrifici che alla fine sapranno sicuramente ripagarti degli sforzi.

Se sei determinato e hai un obiettivo preciso da raggiungere, la tua passione e la tua volontà sapranno farti da guida e ti aiuteranno a ottenere il risultato sperato. Non scoraggiarti e persegui i tuoi obiettivi, troverai lungo il percorso molte strade che potrai decidere di percorrere e che alla fine ti porteranno dove speri.

Una volta conseguita l’idoneità del tuo titolo professionale, potrai iniziare a godere di una esperienza che ti arricchirà come persona e come professionista. E ti sarà utile sapere che maggiori difficoltà sarai in grado di superare, maggiore sarà la soddisfazione al termine del percorso. 

La Francia saprà ripagare ogni sacrificio e ti offrirà prospettive di vita dallo standard elevato, permettendoti di costruire il tuo futuro in maniera solida e sicura, grazie ai servizi che mette a tua disposizione. Lavorare come fisioterapista in Francia è una scelta di cui potrai andare fiero, una volta impiantate forti radici. Non rinunciare al tuo sogno e inseguilo con tutte le forze: la motivazione è la chiave per accedere alla tua felicità, se sei deciso a raggiungerla.

In bocca al lupo in questo percorso che, è bene ricordarlo, può essere impegnativo ma ricco di soddisfazione e successo.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social