fbpx

La vita in Italia inizia a starti stretta e hai voglia di dare una ventata di stimoli nuovi? Sei un fisioterapista ma non ti senti completamente realizzato e perciò stai valutando l’idea di fare i bagagli e partire verso nuove avventure?

L’idea di un cambiamento è spesso un mix di emozioni: paura, euforia, senso di incertezza e brivido per l’ignoto. Di sicuro però è sempre occasione di crescita e arricchimento e se vuoi percepire quel guizzo di follia che attraversa corpo e anima quando si affrontano scelte drastiche di cambiamento, allora sei nel posto giusto.

Abbiamo raccolto tutte le informazioni che possono esserti utili se sei un professionista affermato o alle prime armi e hai scelto di lavorare come fisioterapista in Olanda, pronto per avventurarti verso un’esperienza dal potenziale enorme.

Scopri tutto quello che c’è da sapere prima di raggiungere il Paese dei tulipani e dei mulini, delle biciclette e delle case da fiaba, in modo da arrivare preparato e aver già affrontato tutta la fase preparatoria, affinchè ti venga riconosciuto il titolo di fisioterapista e ti sia permesso di poter lavorare con la tua competenza anche all’estero, ovvero esercitando la fisioterapia in Olanda.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE

Perché l’Olanda riscuote tanto successo ed è tanto ambita dai professionisti come te

Se hai scelto l’Olanda come meta per il tuo trasferimento e cambio di vita, sappi di non essere il solo. L’Olanda attira infatti giovani talenti o professionisti affermati in arrivo da ogni posto del mondo. La ragione è presto detta. Il Paese rappresenta un esempio di qualità e di eccellenza se si pensa al rapporto vita privata e carriera lavorativa.

A differenza dell’Italia, infatti, il tenore di vita olandese è incentrato proprio sulla qualità, offrendo di fatto a chiunque la possibilità di potersi dedicare agli interessi, agli sport, agli hobby o anche solo agli affetti personali ogni giorno, ricavando del tempo utile, una volta terminata la giornata lavorativa. 

Se infatti nel nostro Paese risulta praticamente impossibile conciliare vita privata e lavoro e chi ci riesce è considerato un umano con super poteri, in Olanda questa è normalità. D’altronde basta addentrarti tra le strade e in mezzo alla gente per cogliere il clima di benessere mentale e di spensieratezza che aleggia un po’ dovunque.

La tutela del lavoratore in Olanda è una priorità a cui da anni il Governo dedica moltissima attenzione e per la quale si stanziano fondi che consentano a ogni cittadino di poter condurre uno stile di vita dignitoso, in cui lavoro e vita privata siano equamente bilanciati. 

Se questo aspetto ti è già chiaro ed è questa una delle ragioni che ti stanno spingendo a scegliere di lavorare come fisioterapista in Olanda, allora ecco da cosa partire.

I primi passaggi per ottenere l’idoneità ad esercitare il lavoro di fisioterapista in Olanda

Prima di tutto ti sarà utile avere come riferimento il fatto che in Olanda l’ottenimento del titolo di fisioterapista è subordinato a un percorso formativo che dura 4 anni, invece dei tre previsti nel nostro Paese.

Questa informazione presuppone una revisione molto specifica dei tuoi titoli, per vederne riconosciuta l’idoneità.

Come per altri Paesi, anche per l’Olanda la professione di fisioterapista è regolamentata tramite apposito albo. Si tratta del Big Register, ovvero l’albo di cui fanno parte le professioni sanitarie.

La gestione dell’albo è completamente demandata ad un ente, il cui compito è quello di gestire, rilasciare e valutare le licenze e le competenze professionali, anche per quanto riguarda i titoli stranieri. Tale ente, chiamato CIBG, è un’appendice del Ministero della Salute del Benessere e dello Sport. 

Per poter lavorare come fisioterapista in Olanda è dunque fondamentale essere iscritto a tale albo, ovvero al Big Register.

Se vuoi riuscire a ottenere l’idoneità e vedere il tuo titolo riconosciuto è obbligatorio inoltrare domanda di richiesta.

Modalità di inoltro domanda per il riconoscimento del titolo di fisioterapista in Olanda

Come fare per inoltrare la domanda e vedere riconosciuto il tuo titolo di fisioterapista? È semplice perché ti basta collegarti al sito del Ministero della Salute, del Benessere e dello Sport al seguente link: https://www.bigregister.nl – All’interno potrai navigare e trovare tutta la documentazione richiesta da inoltrare (titolo universitario, certificati, lettere di presentazione, ecc.).

Sebbene l’Olanda sia un Paese dove l’inglese è correntemente parlato, va detto che per presentare richiesta di convalida del tuo titolo professionale devi poter dimostrare di essere in grado di parlare la lingua olandese, attraverso la presentazione di un documento che certifichi almeno il livello B2 di lingua olandese.

Per l’invio della documentazione è richiesta traduzione ufficiale giurata della stessa, effettuata da un traduttore riconosciuto e che se ne assuma la responsabilità.

I documenti vanno inviati all’attenzione della CBGV, ovvero la commissione che ha l’onere di effettuare la valutazione. Di norma il riscontro lo si riceve nell’arco di due o tre mesi dalla presentazione della domanda.

Cosa succede al termine dei 2 o 3 mesi? Ricevi, appunto una valutazione che ti pone di fronte a tre possibili esiti:

  • La valutazione ha riscontro positivo e puoi esser ritenuto idoneo per esercitare la tua professione di fisioterapista in Olanda, dopo esserti iscritto all’albo.
  • La valutazione è pending in quanto alcuni requisiti potrebbero esser ritenuti non completamente assolti. In questo caso potrai partecipare a un periodo di tirocinio a titolo completamente gratuito e la cui durata potrebbe estendersi fino a circa 9 mesi. In alternativa ti si potrebbe prospettare la possibilità di sostenere degli esami a integrazione.
  • La valutazione ha esito negativo e potresti non essere ritenuto idoneo per esercitare la professione di fisioterapista in Olanda. Potrai provarci nuovamente, ripetendo la procedura dall’inizio, magari dopo aver acquisito altri diplomi, titoli o certificazioni che attestino le tue competenze.

Non scoraggiarti e rimboccati le maniche: con tenacia e impegno prima o poi riuscirai a trasformare il tuo sogno di lavorare come fisioterapista in Olanda in realtà.

Ecco quel che c’è da sapere su quanto guadagna un fisioterapista in Olanda

Per quanto tu possa aver scelto per vocazione o per passione di diventare fisioterapista, è sicuramente importante anche conoscere più dettagli possibili in merito allo stipendio medio di un fisioterapista in Olanda. L’aspetto economico sarà quello che ti permetterà di sapere che tipo di sistemazione scegliere o a che tenore di vita puoi ambire o almeno da quale iniziare.

Abbiamo provato a raccogliere questa ed altre informazioni con la speranza che possano esserti utili ai fini di una valutazione globale. Maggiori dettagli conoscerai e con maggiore consapevolezza potrai fare le tue scelte, prima di decidere di preparare la valigia alla volta dell’Olanda. 

Come anticipato all’inizio, l’Olanda offre importanti prospettive lavorative: tutto sta nel coglierle nel modo migliore per te.

Se si considera una base di partenza, in Olanda puoi ambire ad una retribuzione iniziale di circa 25.000 euro annui, lavorando presso un ente privato o pubblico. Rimanendo alle dipendenze di un datore di lavoro, con l’esperienza e l’anzianità puoi raggiungere anche vette che sfiorano i 40.000 euro all’anno.

Se invece pensi di iniziare come dipendente ma ambisci a poter aprire uno studio di fisioterapia tutto tuo, ti si può prospettare una possibilità di retribuzione annua di circa 45.000 / 50.000 euro ma possono diventare di più, a seconda dell’impegno e delle tue capacità imprenditoriali, oltre naturalmente alle competenze e un pizzico di fortuna. 

Valutare i pro e i contro, prima di prendere una decisione definitiva di trasferimento in Olanda

Come vedi si può profilare uno scenario molto interessante tenendo però conto che il costo medio della vita in Olanda è abbastanza elevato. Considera anche che la sanità pubblica in Olanda copre solo parte delle spese e che il più delle volte sarà necessario sottoscrivere una polizza sanitaria privata. 

Altra considerazione da valutare riguarda il clima che in Olanda sa essere molto rigido, con inverni lunghi e freddi. Tuttavia non passa in secondo piano la bellezza naturalistica offerta da questo Paese e una serie di servizi al cittadino che lo rendono tra i più vivibili al mondo.

Tutto sommato l’Olanda non è neanche così distante dall’Italia e questo ti permette di poter rientrare quando un principio di nostalgia o la voglia di sole e mare iniziano a farsi sentire. 

La mentalità olandese è molto aperta e questo dato ti permette di poter contare sul rispetto e sulla libertà di espressione, che facilitano uno stato generale di benessere.

Infine non va sottovalutato che l’Olanda vanta un tasso di criminalità irrisorio, tanto che puoi sentirti al sicuro se decidi di metter su famiglia o trasferirti con la tua famiglia, se ne hai già formata una.

È sempre giusto mettere sul piatto della bilancia i pro e contro prima di affrontare una scelta definitiva ma siamo sicuri che l’Olanda saprà offrirti talmente tante opportunità da metterti nelle condizioni di sceglierla (quasi) ad occhi chiusi.

I vantaggi sono davvero tanti e le prospettive per una vita spensierata e ricca di soddisfazioni sono concrete e non tarderanno a presentarsi per te che saprai cogliere gli aspetti positivi, facendo tesoro delle tue competenze di professionista anche all’estero. 

Non ci vorrà molto per integrarti al tessuto sociale e dimostrare il valore della tua professionalità.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI ONLINE
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social