fbpx

Una tecnica specifica dei massaggi decontratturanti è quella relativa all’ernia del disco. Per molti ancora un terreno poco battuto, se non addirittura inesplorato. E tu quanto sei informato al riguardo? Vuoi saperne di più?

Desideri posizionarti come specialista massaggiatore, fisioterapista o massoterapista ma non conosci a fondo le tecniche del massaggio decontratturante ernia del disco? Sei approdato nel posto giusto, perché stai per acquisire più informazioni riguardo allo specifico massaggio per ernia del disco. Continua a leggere e lasciati condurre in un viaggio affascinante per conoscere dettagli, caratteristiche e metodologie di applicazione delle tecniche massaggio per ernia del disco.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE IL CORSO MIOFASCIALE EFFICACE

L’ABC del massaggio e ernia del disco: le basi per un approccio informativo approfondito

Partiamo dal principio, ovvero a cosa ci si riferisce esattamente quando si parla di ernia del disco? Quali possono essere le connessioni fra massaggio e ernia del disco?

Innanzitutto l’ernia del disco, nota anche come prolasso discale, consiste nel danneggiamento di uno dei dischi vertebrali, con conseguente dispersione di materiale organico che esercita una sorta di pressione sulla parte nervosa della colonna vertebrale.

È proprio da questa condizione clinica che deriva l’infiammazione prima e il dolore poi. I dischi posti tra le vertebre giocano un ruolo fondamentale per la colonna vertebrale e per la sua mobilità ed è per questa ragione che è necessario che sia sempre controllata e trattata, affinchè il problema del prolasso non si trasformi in una situazione clinica tendente anche a uno stato di gravità.

Conoscere questi particolari, per te che aspiri a diventare o a approfondire la tua conoscenza come massaggiatore, fisioterapista o massoterapista, è importante oltre che assolutamente propedeutico alla tua stessa attività.

Cause e sintomi dietro al fenomeno dell’ernia del disco

Che tu intraprenda una carriera di massaggiatore piuttosto che come fisioterapista o massoterapista, ti verranno richieste competenze sempre più approfondite per far fronte alla richiesta di pazienti sempre più esigenti.

Non puoi pensare di esercitare un massaggio decontratturante ernia del disco, senza saper riconoscere le cause e i sintomi che si celano dietro i dolori legati all’ernia del disco.

Tra le cause principali, quando non di ordine traumatico (ad esempio incidenti, cadute, ecc.) possono esserci fattori anagrafici. Un corpo non più giovanissimo tende a perdere elasticità e flessibilità. Vale anche per i dischi della colonna vertebrale che, con il passare del tempo si indeboliscono e sono più soggetti a rotture e danneggiamento. La rottura va a causare la compressione dei nervi della spina dorsale ed è fonte di dolori.

Riconoscere i sintomi della presenza di un’ernia al disco non è complicato, perché si manifestano attraverso:

  • Indolenzimento o forte dolore localizzato alla spalla e intorno al collo
  • Indolenzimento o forte dolore al braccio
  • Senso di informicolamento del braccio o della mano

Il dolore può avere intensità da lieve a molto acuta, addirittura in alcuni casi presentarsi come un bruciore.

Da massaggiatore, fisioterapista o massoterapista puoi intervenire a lenire il dolore e dare sollievo alla zona infiammata, se conosci le tecniche massaggio per ernia del disco.

Caratteristiche principali massaggio decontratturante ernia del disco: approfondisci le tue nozioni

Il massaggio decontratturante ernia del disco è una pratica relativamente semplice che però va eseguita secondo una procedura precisa e non di certo per tentativi.

La zona dorsale è estremamente delicata e necessita di manovre idonee, oltre che di una mano competente che le sappia eseguire.

Il massaggio decontratturante ernia del disco va infatti eseguito con decisione e delicatezza allo stesso tempo, per sciogliere la contrattura senza infiammare ulteriormente l’area interessata. Occorre infatti esercitare una pressione adatta, che solo uno specialista sa tarare.

È importante che la tua conoscenza in questo campo non si fermi ad un livello superficiale ma sappia fornirti le basi e gli elementi per stabilire di volta in volta come intervenire e quando.

Competenza e nozioni le acquisisci attraverso un iter formativo completo e approfondito, come quello che abbiamo messo a disposizione per chi, come te, ambisce ad allargare i propri orizzonti conoscitivi e a fare di un lavoro una professione seria e affidabile.

Non rinunciare a un percorso che farà di te uno specialista e condividi la tua conoscenza con chi vorrà affidarsi alle tue tecniche e alla tua esperienza nel massaggio per ernia del disco.

A chi è rivolto un massaggio decontratturante ernia del disco: conoscere il paziente per trattarlo meglio

Qualunque percorso la tua passione ti porti a seguire, andrebbe sempre accompagnato dall’impegno e dall’attenzione verso quello che fai e verso il paziente.

Una cura specifica e una attenzione costante alla tua preparazione, faranno di te un professionista, che tu voglia essere massaggiatore, un massoterapista o un fisioterapista.

Conoscere a fondo il paziente, significa potertene prendere cura con consapevolezza e maggiore efficacia.

Non esiste un paziente “tipo” quando si pensa a un massaggio decontratturante ernia del disco: di fatto ogni paziente è tendenzialmente un potenziale profilo a rischio di ernia del disco. Ecco alcuni esempi:

  • Pazienti che svolgono attività sportiva intensiva e caricano eccessivamente la schiena
  • Pazienti che svolgono lavori logoranti per la colonna vertebrale (magazzinieri, corrieri, ecc.)
  • Pazienti che svolgono una vita troppo sedentaria, indebolendo i muscoli che perdono tono e non sorreggono il carico della colonna vertebrale
  • Pazienti che svolgono lavori stando in piedi per molte ore consecutive, esercitando un carico dorsale continuativo (parrucchieri, commessi, ecc.)

Sono solo alcuni esempi che valgono a farti comprendere come non esistano fasce di pazienti più a rischio di altre. Chiunque può essere soggetto all’ernia del disco e necessitare di un massaggio decontratturante ernia del disco.

Ciclo di trattamento continuo: una seduta di massaggio per ernia del disco non basta

Al paziente che si rivolge a te per disinfiammare l’ernia del disco o perché tu possa lenire il dolore, dovrai offrire non solo il trattamento decontratturante con le tecniche massaggio ernia del disco. È infatti richiesto che un bravo professionista fornisca anche alcune indicazioni affinchè il paziente mantenga uno stato ottimale della colonna vertebrale, dopo il recupero post massaggio.

In altre parole il tuo lavoro di professionista massaggiatore, fisioterapista o massoterapista non finisce con una seduta di massaggio (spesso ne sono necessarie più di una), ma anche continua con un ciclo di trattamento pianificato nel tempo.

Potrai programmare con il paziente diverse sedute a distanza di qualche mese, per il mantenimento della tonificazione muscolare ma potrai anche assisterlo nel fornirgli i consigli più adeguati, una volta lasciato il tuo studio.

Il paziente da solo può:

  • Programmare in concerto con te una serie di sedute periodiche, distribuite nell’arco di un anno (ad esempio, fissandone una ogni due mesi o in base alle esigenze).
  • Prestare maggiore attenzione alla propria postura, avendo cura di mantenere la colonna vertebrale in posizione corretta sia durante l’attività di lavoro che durante il riposo (sarai tu a indicare in che modo).
  • Pianificare un programma di allenamento sportivo continuativo e regolare (ad esempio in palestra con cadenza di tre volte a settimana, o in piscina che è particolarmente indicata quando vi sono problematiche legate all’ernia del disco, ecc.); purchè non sia troppo intensivo.
  • Evitare di sollevare carichi eccessivamente pesanti, facendosi aiutare o servendosi di carrelli e strumenti che alleggeriscano il carico sulla schiena.
  • Evitare di eseguire movimenti bruschi: un movimento improvviso, un piegamento scorretto sulle ginocchia nel gesto di chinarsi per raccogliere qualcosa da terra, per esempio, possono essere fatali, quando sussistono problemi di ernia del disco.
  • Tenere sotto controllo le potenziali situazioni di stress psico-fisico: lo stress infatti è artefice di tensioni muscolari, specialmente nella fascia vertebrale. Imparare a gestire lo stress significa mantenere toniche le muscolature e soprattutto rilassati i nervi, evitando accavallamenti, tensioni e conseguenti dolori.

Una collaborazione continuativa, insomma, fa si che il massaggio decontratturante ernia del disco possa essere, se non risolto, almeno migliorato in modo importante.

Formazione, passione, supporto al paziente: il segreto della tua professionalità

Lavorare in sinergia con il paziente è possibile se la tua competenza è tale da conoscere tutte le caratteristiche che gravitano intorno alle tecniche massaggio ernia del disco. La tua professionalità per essere tale, ha bisogno di conoscenze teoriche, di applicazione pratica, di approfondimenti sul tema dell’ernia del disco, di psicologia del paziente, per sapere come comunicare in maniera costruttiva.

 La tua professionalità ha bisogno della tua passione per essere tale. Il resto è una conseguenza della tua voglia di crescere come operatore in un campo delicato quale quello del benessere e della salute.

Noi ti possiamo aiutare a trasformare la tua ambizione in realtà, seguendoti fin dai primi passi e accompagnandoti in questo percorso che può regalarti grandi soddisfazioni.

Un paziente felice è un paziente che recupera il suo stato di salute, grazie alla tua competenza e che vorrà affidarsi a te, ogni volta che ce ne sarà bisogno. Inoltre, con il giusto sostegno da parte tua, farà di te il suo riferimento per il mantenimento nel lungo raggio del suo benessere psico-fisico.

Scopri tutto quello che c’è da sapere, attraverso i video formativi studiati per fare di te un professionista del massaggio decontratturante del disco e scopri quanto sia facile dare uno slancio alla tua professione o avviarne una da esperto del settore.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE IL CORSO MIOFASCIALE EFFICACE
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social