fbpx

Forse conosci già cos’è il massaggio olistico ma probabilmente non lo hai mai applicato perché non ti senti sicuro, perché mancano ancora delle informazioni importanti o perché senti di avere lacune da colmare, riguardo ai casi in cui utilizzarlo o ai pazienti per i quali si addice.

Se ti riconosci in questa premessa, allora ti stavamo aspettando! Trovi qui utili nozioni, diversi approfondimenti e un’analisi degli aspetti che caratterizzano il massaggio e la disciplina olistica, di cui puoi fare tesoro se sei (o se stai per diventare) un operatore del campo dei massaggi estetici, terapeutici, ecc.

Ci auguriamo di poter rispondere ad alcune domande che nel tempo ti sei posto riguardo all’argomento e di poter accrescere le tue competenze in materia di tecniche del massaggio olistico.

Partendo dai fondamenti della filosofia olistica, affronteremo tale disciplina applicata al campo terapeutico dei massaggi, per meglio comprenderne funzionalità, obiettivi e tecniche. Una visione completa ti potrà fornire una più accurata conoscenza di questa tipologia di massaggi e ti permetterà di agire sul paziente con maggiore consapevolezza, andando a raggiungere il fine che il massaggio si prefigge, ovvero il benessere totale del paziente stesso.

Iniziamo dunque, sviscerando tutti gli aspetti che caratterizzano il massaggio olistico.

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI

Massaggio olistico: significato e nozioni basilari 

Il massaggio olistico, lo abbiamo accennato all’inizio, si ispira fortemente alla filosofia olistica che pone al centro della sua essenza l’armonia e l’equilibrio di corpo, spirito e mente.

I principi cardine sono dunque proprio quelli appena descritti. Il benessere del paziente può essere raggiunto nel momento in cui si riesce ad allineare il suo equilibrio a livello fisico e psichico, non solo a livello organico ma anche rispetto all’ambiente che lo circonda, in maniera totale. 

Come per altri massaggi che si rifanno alla filosofia olistica, quali il massaggio shiatsu, il massaggio ayurvedico, la riflessologia plantare, anche il massaggio olistico lavora sui meridiani energetici, attraverso i quali scorre l’energia vitale. 

Per dirla in altre parole, quindi, il massaggio olistico non agisce solo sui punti in cui sono presenti disfunzioni, dolori, ecc., ma agisce a livello globale, nel tentativo di ripristinare l’equilibrio del corpo in tutta la sua unità, comprendendo l’aspetto psicologico, spirituale e anche emozionale. Questa visione di insieme è in totale sintonia con la corrente olistica che appunto considera le parti come appartenenti a un sistema unico che accorpa fattori sociali, psicologici e biologici.

Questo concetto applicato al massaggio si traduce in un lavoro che non si concentra su un singolo organo ma sull’individuo nella sua complessa unicità.

Il massaggio olistico punta non solo all’utilizzo di determinate tecniche, bensì a un lavoro più ampio che include anche la respirazione, per esempio.

Le tecniche da imparare per un massaggio olistico che dia reali benefici

Non si può pensare di imparare le tecniche di manipolazione se prima non si conosce a fondo, per il massaggio olistico, il significato stesso di questa disciplina terapeutica.

Avendo dunque affrontato l’aspetto relativo al significato di tale tipologia terapeutica, sei di certo pronto per conoscere anche il lato più pratico ovvero le tecniche che puoi applicare durante una sessione di massaggio olistico.

Le principali manovre di intervento del massaggio olistico sono le seguenti:

  • Sfioramento, tecnica utilizzata all’inizio e al termine della sessione, per mettere il paziente in una condizione di relax totale.
  • Impastamento, che consiste in manovre che smuovono i gruppi muscolari e che serve a localizzare i fasci particolarmente interessati dalle tensioni. Si esegue esercitando pressione fra due dita.
  • Percussione, si esegue con le dita o con tutta la mano esercitando una certa ritmica con funzioni stimolanti oppure sedative.
  • Sfregamento, vale a dire l’insieme di manovre che vengono esercitate con una certa intensità e forza, necessarie per muovere i liquidi nocivi e ripristinare la circolazione linfatica, favorendo l’eliminazione delle tossine.
  • Vibrazione: tale tecnica si esegue facendo vibrare un arto in direzione orizzontale o verticale ed estendendo la vibrazione a tutto il corpo.
  • Pizzicottamento: serve a distaccare la cute dallo strato sottostante, tramite dei piccoli pizzicotti su piccole zone di pelle, al fine di scollare l’eventuale presenza di aderenze.

Combinate tra loro, tali tecniche possono aiutare a favorire una sensazione generale di benessere del paziente, aiutandolo a rilassarsi completamente. 

La frizione e l’impastamento si eseguono con una certa delicatezza e mantenendo un ritmo continuo, in particolare sulla schiena del paziente ma anche su gambe e sulla parte superiore del corpo. 

Prima di avviare la sessione con l’esecuzione delle tecniche indicate è importante condurre una intervista con il paziente, che ti aiuti a comprendere quali malesseri o disfunzioni siano presenti e riuscire così a pianificare il trattamento che abbia risultati soddisfacenti.

La prima fase del massaggio è appunto lo sfioramento, con cui predisponi il paziente a ricevere le tecniche successive e poi parti con la digitopressione, tramite la quale puoi percepire i blocchi del paziente. A questo punto potrai andare a fondo, lavorare sui disturbi, liberare i canali energetici.

Data la sua natura olistica, il massaggio va eseguito in un ambiente che garantisca l’atmosfera giusta, rilassante e che metta a suo agio il paziente. Anche l’ambiente favorirà il recupero del benessere, il rilassamento totale e naturalmente la creazione di uno stato di empatia fra te e il paziente. 

In media un massaggio olistico dura circa 50 minuti, ma naturalmente la sua estensione dipende da te, dalle tue sensazioni e dal tempo che riterrai necessario affinchè il paziente raggiunga uno stato di benessere e relax.

I benefici del massaggio olistico: percorso armonioso verso il benessere

Molti dei benefici del massaggio olistico li avrai dedotti, leggendo fino a qui e di sicuro altri li conoscevi già prima di approdare in questo articolo. Può essere comunque utile riassumerli, in modo da averne un’idea più precisa e poterli memorizzare meglio.

I benefici da prendere in considerazione sono, per la natura stessa del massaggio olistico, non solo fisiologici ma anche mentali e spirituali.

Innanzitutto le tecniche olistiche di massaggio aiutano a migliorare la respirazione. Durante la manipolazione puoi aiutare infatti il paziente a coordinare e correggere il modo in cui respira e contemporaneamente puoi esercitare massaggi sui muscoli impegnati nel processo respiratorio. 

Il sonno beneficia molto, dopo un massaggio olistico. Infatti eseguendo un massaggio con competenza aiuti ad aumentare il livello di serotonina, artefice della produzione di melatonina, che regola il ritmo del sonno, con un miglioramento generale del benessere.

La circolazione sanguigna è fortemente condizionata dal massaggio olistico correttamente eseguito. Il sangue infatti scorre in modo fluido nelle zone del corpo dove sono presenti congestioni, grazie alla pressione che utilizzerai da bravo professionista.

Metabolismo e processo digestivo risentono positivamente del massaggio olistico, perché con le tue mani esperte puoi stimolare il tratto intestinale.

Lo stress quotidiano può essere notevolmente alleggerito, grazie alla manipolazione olistica che libera la mente dalle tensioni e dal peso delle preoccupazioni, favorendo anche la produttività.

Rigidità del corpo e tensioni muscolari in genere possono essere ridotte o addirittura eliminate, grazie al miglioramento dell’ossigenazione e alla riattivazione della circolazione, soprattutto nelle aree in cui sono presenti infiammazioni. Inoltre la capacità del massaggio olistico di eliminare le tossine è evidente.

Da un buon massaggio olistico trae beneficio anche il sistema immunitario che si potenzia grazie al drenaggio del sistema linfatico, all’aumento dei globuli bianchi e all’eliminazione delle tossine dall’organismo.

Controindicazioni nel massaggio olistico: limitate ma da sapere

A fronte di tantissimi benefici derivanti da un massaggio olistico eseguito a regola d’arte da mani competenti, vanno comunque considerate alcune poche controindicazioni, che suggeriscono di evitare questa pratica.

In linea di massima il massaggio olistico si adatta a chiunque ma sarebbe meglio evitarlo se hai difronte pazienti che presentano dermatiti o altri disturbi che riguardano la cute. Vale lo stesso anche per i pazienti con problemi cardiovascolari o che hanno capillari fragili.

La presenza di flebiti e di altre malattie infettive, suggerisce di non utilizzare il massaggio olistico e preferire altri trattamenti. Nel caso invece di pazienti in stato di gravidanza, meglio essere cauti e conoscere il parere del medico che le segue durante la gestazione.

Per il resto il massaggio olistico non rappresenta una minaccia allo stato di salute e potrebbe essere una soluzione da prendere in considerazione in moltissime circostanze.

Eseguire il massaggio olistico integrato sul paziente è una via che assicura il raggiungimento di un equilibrio psico fisico di cui il paziente beneficia a lungo.

Non sono richieste abilità particolari ma di sicuro occorre dedicare il giusto tempo per conoscere le tecniche del massaggio e per essere in grado di coinvolgere il paziente nella sua complessità e totalità. Potrai così ristabilire quell’armonia che garantisce al paziente stesso uno stato di benessere sotto ogni aspetto.

Diventare esperto nella tecnica del massaggio olistico rappresenta quel gradino che permette di posizionarsi a livelli di competenza elevati e che ti aiuta ad essere riconosciuto come specialista anche in questa pratica dai tanti aspetti positivi.

Manovre che per te possono essere già familiari ma che dosate, calibrate e pianificate in modo specifico e con competenza, si trasformano nell’applicazione di una visione olistica che pone al centro il benessere del paziente. 

SE SEI DEL SETTORE CLICCA QUI O SULLA COVER PER VEDERE I NOSTRI CORSI
Share This

Grazie!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social